Noi futuri pensionati della Terra di Mezzo

Il problema della previdenza oramai è noto a tutti: nel 1995 la cosiddetta Riforma Dini ha modificato il sistema di calcolo delle pensioni introducendo il calcolo con il sistema Contributivo che, secondo le previsioni, ridurrebbe il trattamento pensionistico dei futuri pensionati sin anche del 50%. Per compensare questa pesantissima riduzione si prevedeva la nascita dei c.d. fondi pensione che avrebbero dovuto essere istituiti con provvedimento di concertazione ma che, dal 1996, non sono riusciti a decollare nonostante le deboli spinte dei CoCeR e Sindacati. Occorre che tutti prendono atto di questa realtà, ovvero che anche se i fondi decollassero domani mattina lascerebbero comunque una voragine di ben 16 anni in cui non è stato effettuato alcun versamento contributivo a favore di un secondo pilastro di previdenza . e non solo. I Fondi pensione sono investimenti di lungo periodo, 20-30 e 40 anni: dunque, il personale che nel 1995 aveva poco meno di 18 di contributi (come nel caso di chi scrive) e che quindi veniva colpito dalla riforma, oggi ha maturato almeno 30-32 anni di servizio effettivo; tale personale rimarrebbe iscritto al Fondo meno di 20 anni e non beneficerebbe, dunque, di alcuna integrazione al trattamento pensionistico di base!!! Mentre il personale con una maggiore anzianità di servizio fu salvato all'epoca dalla stessa legge di riforma ed il personale neo assunto (dal 1996 in poi) che oggi ha pochissimi anni di servizio puù sperare ancora in un decollo dei fondi pensione o comunque in un buon montante contributivo.

In buona sostanza noi futuri pensionati della terra di mezzo potremmo avere una giusta pensione sono nella oramai fantascientifica ipotesi di un provvedimento che ci applicasse nuovamente il calcolo del sistema retributivo. Noi futuri pensionati della Terra di Mezzo vittime innocenti della Riforma Dini che all'epoca intervenne a sanare i danni abnormi, tutt'ora in essere, causati dalle baby e ricchissime pensioni elargite in larga scala e all'italiana maniera dai governi che si sono avvicendati sino al 1995!!!

 

Luca Tartaglione